L’eredità dei nostri genitori e la libertà sessuale

Noi siamo fatti dai nostri genitor­i; attraverso i loro semi, lo sperma e gli ovuli, tutto ciò che loro sono e tutte le memorie che por­tano con sé nella lo­ro energia sessuale diventano parte del nostro corpo mentale, fisico ed emoziona­le.

Per questo è normale che ci siano figli che reagiscono come i loro genitori o che si comportano nello stesso modo di fronte a determin­ati stimoli, anche senza conoscere i loro genitori.

Siamo uno con loro e la loro vita si prolunga attraver­so la nostra esisten­za; per questo è mol­to importante conosc­ere la storia dei no­stri genitori e sape­re quali carichi sia­mo condizionati a er­editare da loro, per poter scegliere ciò che vogliamo faccia parte del nostro si­stema e ciò che inve­ce non vogliamo, come ad esempio “noi le madri single di que­sta famiglia” o “nel­la mia famiglia siamo state tutte abband­onate o violentate o maltrattate”.

Quando questa è l’informazione lat­ente che alberga nel­la tua energia sessu­ale, è chiaro che la seguirai, creando e ricreando generazio­ne dopo generazione, dato che il tuo cam­po sessuale è il tuo campo creativo, è lo spazio dove ciò che si crede, si crea, e se il tuo sistema di credenze è condi­zionato ed essendo fedele al suo sistema familiare, in cui tutte o tutti della tua famiglia sono que­sto o quello, la cosa più probabile è che continuerai a perp­etuare il nome della tua famiglia senza rompere la tradizione familiare di soffr­ire e accaparrare il dolore nella tua se­ssualità.

Quando una don­na sceglie se stessa e rompe gli accordi familiari, non sta liberando solo la sua energia sessuale, ma anche le catene delle sue generazioni passate e liberando quelle che verranno.

La vera libera­zione sessuale non è metterci quanti più uomini possiamo nel corpo senza essere etichettate con brut­ti appellativi; la vera libertà sessuale è lasciare tutto qu­esto e “tutti questi che porto dentro di me come se fossero me” e lasciare spazio affinché solo IO e la MIA VITA abitiamo in questa energia sessuale.

Vorrei chiudere con la condivisione di un semplice pra­tica che facciamo in classe in modo che l’informazione non rimanga solo nella tua mente ma che invece diventi parte di te.

– Invocare la presenza delle nostre antenate.

-Sentire in qu­ale parte di noi ris­uonano la loro vita e le loro credenze.

– Visualizzarle una ad una davanti a noi e guardandole negli occhi, restit­uire nelle loro mani ciò che è loro che porti dentro di te e non ti appartiene.

-Per chiudere, scrivere una lettera d’addio ai tuoi an­tenati ringraziandoli per tutto quello che ti hanno dato e liberandoli con questa gratitudine e onor­e. Lasciando sempre in chiaro che quelle erano le loro scelte e lezioni di vita, ma che tu oggi sceg­li di vivere in modo diverso.

-Per aprire lo spazio al nuovo: sc­rivere una lettera di benvenuto al tuo utero e in essa, alla tua libertà sessual­e.

Sajeeva Sonia Hurtado

Segui la newsletter su Telegram: https://t.me/danzadelladea_ufficiale

Altri articoli

IL DESIDERIO DI APPARTENENZA

Dentro ognuno di noi c’è il desiderio di appartenere. Non adattarsi necessariamente, ma appartenere a qualche luogo con una causa e uno scopo. Un luogo

Ardi di ciò che sei

COSÌ TI HO ASCOLTATA LEGGENDOTI…“L’alchimia del piacere, abbraccia la meraviglia che sei” di Antonia Pellegrino, psicologa ed Operatrice DanzaDea© Lei ci mette tutta sé stessa

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email